Sul metaverso anche la polizia italiana

interpol nel metaverso

L’Organizzazione Internazionale della Polizia Criminale (INTERPOL) ha creato quello che definisce un “metaverso globale della polizia”, che permetterà ai tecnici sul campo di incontrarsi faccia a faccia mentre operano in diverse parti del mondo.

Da qui l’idea dei metacop, ovvero persone che saranno addestrate proprio per svolgere questo tipo di compiti all’interno di ambienti virtualizzati.

E quando si verifica una situazione di pericolo cosa fa il nostro metacop?

Beh, può intervenire, ad esempio segnalando il comportamento o addirittura facendo vietare direttamente i permessi a quell’avatar, se necessario! È ovvio quanto siano potenti queste capacità con un solo Training, a parte i regolamenti che devono essere adottati rapidamente dall’amministratore di sistema”.

Il metacop banna un avatar se viola le condizioni d’uso. Dopo di che, può essere concesso un certo periodo di tempo per verificare cosa è successo e poi rimuovere definitivamente questo oggetto dal proprio mondo (o reintegrarlo), a seconda della serietà con cui si vogliono prevenire comportamenti come questi in futuri avatar creati da indirizzi IP diversi dopo che quelli cancellati sono stati rimossi troppo velocemente in precedenza senza preavviso – questo potrebbe scoraggiare alcune persone che vogliono solo la libertà sul proprio corpo, ma che si divertono anche a giocare insieme!

Il mondo in evoluzione in cui viviamo oggi è un esempio perfetto di come le cose siano destinate a cambiare.

Con l’avanzare della tecnologia, presto seguiranno nuove regole e normative, il che significa che la vita sulla Terra potrebbe non essere come quella che conoscete ora, ma vi sembrerà comunque familiare!

Hai delle domande?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *